Il bonus tv

Anche se il nostro governo presenta sempre più segnali di cedimento, non trascura i bisogni fondamentali dei propri cittadini, per questa ragione il decreto Mise-Mef ha previsto un bonus per l'acquisto di un nuovo televisore.

Il bonus che permetterà l'accesso a uno sconto massimo di 50 euro è riservato a famiglie con Isee non superiore a 20 mila euro. 

Il decreto ha già ricevuto l'ok della Commissione Europea e dovrebbe essere pubblicato sulla Gazzetta ufficiale entro pochi giorni. Le risorse per questo incentivo ammontano attualmente a circa 151 milioni di euro.

Il provvedimento si è visto necessario per non escludere le categorie meno abbienti dall'ennesima evoluzione tecnologica radiotelevisiva. Si ricorda infatti che a partire da giugno 2022 i televisori e i decoder non adeguati allo standard tecnologico Dvb-t2 HEVC, smetteranno di ricevere il segnale radiotelevisivo. Questa procedura si rende necessaria nel momento in cui le frequenze usate dall'emittente televisive verranno spostate a frequenze a maggiori prestazioni andando a favorire lo sviluppo della tecnologia 5g. Il segnale video sarà così più prestante consentendo della diffusione dell'alta definizione nell'utilizzo domestico.

L'ammontare del beneficio economico sarà perciò di massimo 50 euro e sarà richiedibile a partire dal 30 esimo giorno successivo alla data di pubblicazione del decreto sulla Gazzetta ufficiale fino al 31 dicembre 2022. Sul sito del Mise sarà pubblicato un elenco dei prodotti acquistabili con l'incentivo.

Come si ottiene il bonus

Il cliente deve prima compilare un'autocertificazione in cui sottoscrive, sotto la propria responsabilità, di appartenere a un nucleo familiare ISEE I o II e che nessuno del proprio nucleo familiare ha già fruito del bonus TV. A questo punto, esibendo il proprio documento e il codice fiscale, si metterà in condizione l'addetto vendite di istruire la pratica sul sito dell'Agenzia delle Entrate per l'ottenimento del bonus TV che consentirà l'ottenimento di un voucher sconto.

Cogede

Ti informa

Milano, 13/11/2019